lunedì 10 marzo 2014

Paprikash


                                            -   Paprikash  -


   
cristinapopaperincanto.blogspot.com



               Ingredienti semplici , pochi passaggi e l ' amore per preparare un pianto che mi riporta nella mia infanzia .

             Questo piatto di origine ungherese è il fratello del più rinomato gulash ( goulash o più preciso gulyàs-leves = la zuppa del mandriano) con qualche differenza ma ciò che  indiscutibilmente li accomuna è la paprika dolce .

       Esistono più interpretazioni per questo piatto , che da regione a regione o da paese a paese cambiano .  E' un po' come la zuppa di pesce italiana e non solo, che da nord a sud ingredienti, nomi e presentazioni variano per la gioia di con loro che ne sono amanti .                            
                 Il Paprikash e più leggero del gulash  perché la ricetta viene fatta con il pollame .
                Per renderlo ancora più leggero non ho usato ingredienti come la farina , la panna e i peperoni che nelle ricette diciamo più moderne vengono usati .

                  La ricetta può essere fatta anche senza la carne , il paprikash di patate, che viene fatto nei giorni di quaresima , oppure per una ricetta vegan molto saporita .              
                                                             
                                                      *
                                      Ingredienti per 4 persone
                               
                  1 pollo No Ogm ( io ho usato della carne di anatra che                                              avevo al momento)
                                      6 patate contadine medie
                               1 cipolla grande (rossa se possibile)
                  6 spicchi d'aglio medi (facoltativo per chi non l' ho                                                             digerisce)
                                                                           
                                                      *
                                                                               
                                              prezzemolo
                                   2 cucchiai di  paprika dolce
                                   250 ml di succo di pomodoro
                                         2 foglie di alloro
                                     peperoncino (facoltativo)
                                  olio di girasole, sale integrale
                               brodo di pollo o vegetale ( no dado)
                                              erba cipollina


                                             Preparazione 

           In una pentola alta mettiamo a stufare la cipolla con del  olio e la carne che precedentemente abbiamo spezzettato . 
                   Decidete voi che parti del pollo volete usare .
                 Appena la carne risulta rosolata aggiungiamo la paprika e mescoliamo bene, poi aggiungiamo il succo di pomodoro le foglie di alloro , prezzemolo i spicchi d ' aglio tritati finemente , il peperoncino , aggiungiamo il brodo preparato precedentemente , sale e copriamo tutto facendo cuocere tutto affinché la carne è cotta .
               Togliamo la carne , la disossiamo e la tagliamo a pezzetti ma va  ugualmente bene se preferite lasciare i pezzi interi .                                                                             
                Le patate pulite e tagliate a cubetti li facciamo bollire senza la carne nella stessa pentola e succo da dove abbiamo tolto la carne e a fine cottura aggiungiamo la carne, aggiustiamo di sale e del prezzemolo fresco .                                    
       Per servire aggiungete nel piatto dell ' erba cipollina e se è di vostro gradimento e sopratutto se potette procurarvelo accompagnate il paprikash con una insalatina di ravanello nero tagliato julienne, come nella foto, e condita semplicemente con dell ' olio di oliva evo spremuto a freddo e sale .    





                    
                          - Buon Appetito -
                                        



Posta un commento